Laboratori e percorsi

Laboratori e percorsi fuori e dentro di noi


2017
 
8 Gennaio - workshop esperienziale di teatro condotto da Enrico Gaspari


2016

Dal 27 Dicembre al 01 Gennaio - Ritiro di fine anno 
"Con ogni uomo viene al mondo qualcosa di nuovo che non è mai esistito, qualcosa di primo e unico. Ciascuno è tenuto a sviluppare e dar corpo proprio a questa unicità e irripetibilità, non invece a rifare ancora una volta ciò che un altro ha già realizzato" M.Buber
Dal 27/12 alla mattina del 1/1 l'eremo è rimasto aperto a quanti hanno desiderato trascorrere gli ultimi giorni dell'anno in tranquillità, in un tempo di silenzio e di meditazione con se stessi.
Quest'anno le riflessioni, che si sono concentrate nel tardo pomeriggio di ogni giorno, sono state basate sul testo di Martin Buber "Il cammino dell’uomo”. 
Alla sera si sono tenuti quattro incontri rispettivamente con Renato Marini, Alessandro Baccaglini, William Jourdan e Elisabetta Bergomi.

17 e 18 dicembre - Seminario "QUANTO CONOSCIAMO LE EMOZIONI CHE ABITANO IN NOI?" con Nicoletta Simeone

13 Dicembre - Laboratorio di pittura espressiva "nel cuore" con Michela Guglielmoni

11 dicembre - TRA CIBO E CULTURA: Pranzo palestinese 

19 e 20 Novembre - "Il sacro attraverso la parola" Seminario con Monica Udler

5 novembre - Seminario sul canto e la voce con Patrizia Laquidara

2016, 8, 15 e 22 novembre, all'eremo di Santa Maria del Cengio alle 20.45 si è tenuto un percorso di "MEDITAZIONE ATTRAVERSO I SUONI ARMONICI" condotto da Paolo Fiorenzato.
"Qualsiasi tipo di blocco energetico, che sia fisico, mentale o emozionale, 
può essere trattato con il suono.
Il suono crea un'onda di frequenza su altre frequenze, risuonando attraverso gli armonici e ri-allineando l’energia a qualsiasi livello in cui si trovi bloccata.
Per questo agisce sul sintomo e anche sulla sua origine. Il suono arriva a livelli ai quali l’intelletto non può arrivare, il corpo, la mente o i sentimenti reagiscono quando arriva il messaggio di armonia, si sintonizzano con quella frequenza che restituisce calma, pace e equilibrio.
Quando permettiamo al suono di fluire in questo modo, il nostro essere riconosce i suoi ritmi naturali, quel Regno perduto al quale è possibile ritornare, armonizzandoci con noi stessi e con l’ordine naturale che ci circonda. (Suono Armonico)


Paolo Fiorenzato, vive a Santorso, da qualche anno ha iniziato un percorso di crescita interiore, e nel cammino, grazie ad una forte sensibilità verso tutto ció che vibra in natura, ha incontrato differenti tecniche energovibrazionali e strumenti creati dall'uomo ma con una risonanza essenziale con  tutto ció che è vivo, compreso noi .
Fà vibrare campane Tibetane, armoniche, campane di cristallo, suona il tamburo sciamanico, e altri strumenti che aiutano la propria autoguarigione.
Dopo aver sperimentato a lungo su di sè l'effetto di questi strumenti, ha iniziato a condividere questo potere di pace profonda e guarigione con chi, come lui, ha avuto la fortuna di averli incontrati.

2016, 6-7 Febbraio: Workshop Monica Udler: "La mistica Abrahamica e la comprensione spirituale"
Monica Udler, dottoressa in Filosofia e specialista di Mistica Abrahamica e di Fenomenologia Ermeneutica, insegnante all'università di Brasilia, il 6 e 7 Febbraio (nel pomeriggio, dalle 14.00 alle 18.00) condurrà un workshop sugli aspetti della mistica semitica, che comprende la mistica islamica (sufismo) e quella ebraica (hasidismo e cabala)

Tramite alcuni miti e concetti cabalistici e sufi, Monica Udler condurrà i partecipanti in un’incursione nella mistica di queste tradizioni attraverso il simbolismo intrinseco delle lingue sacre che le rappresentano. 

L’approccio sarà teorico ma anche esperienziale, attraverso meditazioni guidate, esercizi di presenza e di percezione sottile.

Argomenti del workshop:

- La costituzione delle lingue semitiche (ebreo e arabo) e perché sono lingue sacre
- Nefesh e Neshama: La “dualitudine” delle due dimensioni dell’anima (nella mistica ebraica e in quella islamica) e il matrimonio sacro (ierogamia)
- L’Esilio dell’Anima e il Ritorno a Casa nel hasidismo e nel sufismo
- L’Esilio di Dio: il mito della Shehina (Cabala luriana)
- L’esperienza mística nel sufismo e nel hasidismo


Basandosi sulle opere di alcuni filosofi e pensatori occidentali (Buber, Heidegger, Husserl, Hillman...) e sulla mistica abrahamica (sufismo e hassidismo) questo lavoro ha come obiettivo la comprensione, non solo cognitiva (filosofica), ma anche esperienziale (erosofica), di ciò che è l’individuazione spirituale.

2016, 16 Gennaio: "ll viaggio del  se' e le sue maschere” condotto da Enrico Gaspari
L'intento di questo percorso è quello di toccare con mano il potenziale che ognuno ha naturalmente a disposizione dentro di sé.
Perchè?
Per affrontare la quotidianità con vitalità, illuminando le "meraviglie" che ognuno ha in sé piuttosto che le "mancanze".
Come?
Andremo alla scoperta di ogni nostra maschera e personaggio e partendo dal "neutro", da quel vuoto che ci permette d’essere pronti a riempirci di ogni singolo momento, incontreremo ogni nostro personaggio…riconoscendolo lo potremo “usare” senza “farci usare”...
Lungo il sentiero, in queste ore insieme, re-incontreremo quello che abbiamo perso, gli daremo un nome e attraverso un lavoro fisico, psichico ed emozionale potenzieremo le risorse che abbiamo, in un contesto libero dal giudizio e da idee preconfezionate.
Faremo tutto questo GIOCANDO E RIDENDO e la semplicità ci guiderà a conoscerci maggiormente.


2016, 8-10 Gennaio: tempo di silenzio
Le grandi tradizioni spirituali dell’umanità collegano la saggezza in modo inversamente proporzionale alla quantità di parole usate: meno si parla, più si è saggi. Pitagora esigeva addirittura cinque anni di silenzio per gli aspiranti filosofi. ...
Il saggio è colui che parla poco. Perché? Perché ha una cosa più importante da fare: ascoltare. Molto spesso le conversazioni tra gli uomini sono monologhi dove l’altro è solo l’occasione per parlare di sé perché in realtà non lo si ascolta, e non lo si ascolta perché non si è capaci di farlo, e non si è capaci perché manca la condizione essenziale, cioè il silenzio interiore. (Vito Mancuso, il silenzio interiore e l'esperienza dello spirito
L'eremo è anche silenzio per ascoltare quanto, a volte, la parola ci allontana da noi stessi, per entrare nel meraviglioso mondo che ognuno di noi è, per ascoltare i nostri talenti e poterci dedicare ad attività che ci piacciono ma che non trovano posto nel nostro trantran quotidiano ....

Da venerdì 8 gennaio alle 20.30 a domenica 10 gennaio alle 15.00 proponiamo all'eremo un'esperienza di silenzio (se qualcuno vuole vivere anche l'esperienza del digiuno è libero di farlo). E' aperta a coloro che vogliono viverla in modo residenziale e a coloro che scelgono di viverne un tratto, lungo o corto che sia. 
Dal quaderno dell'eremo dopo l'esperienza di silenzio dell'ultimo dell'anno: 

Ieri abbiamo sperimentato una giornata di silenzio e di digiuno .... per me è stata un'esperienza nuova e nello stesso tempo difficile. Grazie a questo, però, ho potuto stare di più in contatto con me stesso, le mie paure, le mie fragilità ma anche il mio coraggio e la mia voglia di vivere.... interessante, da rifare. Matteo

Silenzio e digiuno, un'esperienza intensa, resa ancora più ricca dalla condivisione con gli altri. Un'occasione speciale per entrare in me, conoscermi e guardarmi. Ho potuto riposare, lavorare assieme agli altri, leggere, donarmi tempo. Un modo rispettoso e bello per fare un bilancio di ciò che è stato e scegliere/rinforzare la direzione. Grazie, Enrico

Un silenzio che crea vita, un silenzio che crea spazio dentro di sé, un silenzio che allarga la percezione di se stessi e ti lascia confrontarti con i pensieri e le paure. Grazie a tutti i compagni di viaggio, con amore. Silvia

Nella giornata di ieri abbiamo sperimentato il silenzio. Per me è stata la prima esperienza di questo tipo. E' stato difficile ma mi ha permesso di entrare in me stessa, riflettere e disegnare, cosa che non facevo da molto tempo. E' stata una bellissima esperienza che spero di ripetere. Giada

Vivere l'eremo in questi giorni di fine anno ha voluto dire confrontare la vita lavorativa di tutti i giorni con il silenzio e la quiete di questo luogo. Non è stata un'esperienza semplice, tornare ogni sera all'eremo mi faceva render conto di come anche una normale giornata al lavoro bastasse a spostare il mio centro. Le prove ci sono state e al di là che siano state superate o meno, sono grato di essere stato qui. Davide

2015, Dicembre, 27-1 Gennaio 2016: ritiro di fine anno 

Dal 27 dicembre al 1 gennaio l'eremo si apre a quanti desiderano trascorrere questi giorni dell'anno in un tempo di ascolto di sé. Le riflessioni proposte saranno articolate prendendo spunto dalla meditazione di uno dei sermoni di san Bernardo di Chiaravalle sul "Cantico dei Cantici" in particolare sul tema dei "tre baci".

Domenica 27 dicembre: la condivisione
  • 9.00 - 10.30 camminata lungo i sentieri attorno all'eremo
  • 10.30 - 11.30 riflessioni sul vangelo della domenica
  • 14.00 - 16.00 tempo di silenzio e riflessione
  • 16.00 prove di canto al convento di S. Maria del Cengio
  • 17.00 messa al convento con la condivisione delle nostre riflessioni maturate sul vangelo
  • cena al convento
  • condivisione del progetto eremo

Lunedì 28 dicembre: il bacio ai piedi

  • 10.00 - 11.00  risveglio del corpo con Enrico Tagliapietra
  • 11.00 - 12.30 momenti di riflessione e lavoro
  • 14.00 - 16.30 tempo per il talento; creiamo uno spazio di silenzio dove ognuno potrà praticare arti diverse (scrivere, leggere, dipingere, studiare, suonare, cantare)
  • 16.30 - 18.30 riflessione condotta da Nicoletta Simeone  sul sermone di Bernardo di Chiaravalle IL BACIO AI PIEDI: il corpo si unisce all'infinito.
  • 20.45 yoga con Cinzia Beggiato

Martedì 29 dicembre: il bacio alle mani

  • 10.00 - 11.00 risveglio del corpo con Luca Spagnolo
  • 11.00 - 12.30 momenti di riflessione e lavoro
  • 14.00 - 16.30 tempo per il talento; creiamo uno spazio di silenzio dove ognuno potrà praticare arti diverse (scrivere, leggere, dipingere, studiare, suonare, cantare) 
  • 16.30 - 18.30 riflessione condotta da Nicoletta Simeone sul sermone di Bernardo di Chiaravalle IL BACIO ALLE MANI: la mente si unisce all'infinito.
  • 20.45 laboratori creativi:
    • laboratorio di canto (in cappella) Silvia Cattelan e Enrico Tagliapietra 
    • laboratorio di scrittura (in refettorio) Elisabetta Bergomi e Ismaelita Cisco 
    • laboratorio d'arte (in salone) Giada Cattani e Matteo Zattra 
    • laboratorio di cucina (in cucina) Lara Fioravanzo e Barbara Zannol

Mercoledì 30 Dicembre: il bacio alla bocca

  • 10.00 - 11.00 risveglio del corpo con Elisa Sperotto 
  • 11.00 - 12.30 momenti di riflessione e lavoro 
  • 14.00 - 16.30 tempo per il talento; creiamo uno spazio di silenzio dove ognuno potrà praticare arti diverse (scrivere, leggere, dipingere, studiare, suonare, cantare) 
  • 16.30 - 18.30 riflessione condotta da Nicoletta Simeone sul sermone di Bernardo di Chiaravalle IL BACIO ALLA BOCCA: il cuore si unisce all'infinito. 
  • visione e commento del film Cuore Sacro di Ferzan Ozpetek 

Giovedì 31 dicembre: 24 ore di silenzio

  • dalle 24 del 30 dicembre alle 24 del 31 esperienza di totale silenzio che si protrarrà fino alla mezzanotte.
2015, Dicembre, 19: i giorni dello stupore.
Anche lui come tutti, ed era figlio di Dio: messo alla luce dopo nove mesi di tenera ombra. Anche lui in un gesto di affidamento, e ci furono mani quella notte, e fasce... Come se volesse insegnare che la vita è consegnarsi a una promessa. Se non ti affidi, muori in un grembo. Se, prima di uscire alla luce, vuoi il programma, non uscirai mai. Senza un atto di fiducia nella vita le barche rimangono a riva. E' dando fiducia che noi cresciamo e viviamo.  (Angelo Casati) 
  • 9.00-12.30 camminata sui sentieri intorno all'eremo
  • 13-14.30 pranzo comunitario all'eremo
  • 15-18 riflessione sul testo proposto da Marina Marcolini
2015, Dicembre, 13: camminare la vita, secondo gradino "benedizione e perdono", condotto da Nicoletta Simeone. 
2015, Dicembre, 6-7:  percorsi fuori e dentro di noi: Urbino e Rocca di San Leo la città di Urbino, uno dei centri più importanti del Rinascimento Italiano e la Rocca di San Leo, antica fortificazione  costruita su una cima rocciosa dove fu rinchiuso il famoso alchimista Cagliostro, condannato dalla Santa Inquisizione. "Percorsi fuori e dentro di noi", di cui questa attività fa parte, è un modo per conoscere luoghi nuovi e ampliare le nostre conoscenze ma nello stesso tempo lasciare che queste visite lavorino dentro di noi per ampliare il nostro spazio interiore. L'intento è che attraverso un viaggio, che compiamo insieme, ognuno possa essere presente con il proprio corpo, mente e cuore nel luogo che visitiamo, nelle relazioni che si creano con gli altri, dentro se stesso per ascoltarsi e conoscersi meglio. 


2015, Novembre, 28-29: laboratorio propedeutico di Canto condotto dal Maestro Livio Picotti, direttore del coro Cantus Anthimi dell'Abbazia di Sant'Antimo a Castelnuovo dell'Abate (SI).  L'esperienza di questo coro intende "Andare in profondità, scavare sempre di più in noi stessi, fare che il suono coinvolga la propria vita. Fare del canto una via all'interiorità per ricercare l'autenticità, la libertà, il dono fonte di luce e gioia. Vogliamo fare della musica un espressione autentica di tutto l’uomo. Con Cantus Anthimi, sogniamo di trasmettere al mondo un messaggio di speranza. Cerchiamo di vivere la parola profetica e provocatoria di Dostoevskij: «la bellezza salverà il mondo»! Per cantare «il Verbo fatto carne» non intendiamo basarsi sulle nostre uniche forze, sulle nostre capacità vocali, ma ci affidiamo alla guida del Verbo che è bellezza".

2015, Novembre, 15: camminare la vita, primo gradino "scegliere la vita", condotto da Nicoletta Simeone. Dove sei?  Chiede Dio ad Adamo. Che tu creda o no in Dio, questa è la domanda che la Vita ti rivolge. La rivolge a te che nel tempo ti sei nascosto in certezze che si costruiscono nella notte e si sciolgono all'arrivo del sole, a te che molte volte nella vita hai venduto dei pezzi di te stesso pur di essere amato, a te che ti sei nascosto nei tuoi bisogni, nelle mele rubate e mangiate con l’avidità di chi sa che bisogna correre per non mostrare il proprio volto, a te che  a volte ti sei sentito smarrito, che hai perso possibilità lungo la strada, che le hai cercate guardando con invidia la vita degli altri, a te che hai mormorato ascoltato, urlato, provato, fatto fatica, a te che non ti senti visto, capito, compreso a te che tante volte hai guardato la tua vita concludendo con un “ormai….”, a te che hai scambiato la tua staticità per sicurezza, il tuo smarrimento per libertà, a te che nelle tue corse hai dimenticato di gustare le bellezze che la vita ti ha regalato, a te che ascolti tutti fuorché te stesso, a te che attendi di essere riconosciuto, a te che attendi con impazienza che ti venga dato il tuo posto nel mondo e nel frattempo ti lamenti del mondo…..

2015, dal 30 Ottobre al 1 novembre: seminario Dieci parole per vivere condotto da Luca Buccheri e Monica Rovatti della comunità di Romena. A volte è più facile sopravvivere che vivere. Dieci parole come rilettura attuale e non moralistica dei “dieci comandamenti”, intesi non come regole o divieti che castrano la libertà ma come sentieri di vita, per essere felici e vivere in armonia. Saremo ospitati nell'Eremo del convento dei servi di Maria ("Santa Maria del Cengio") ad Isola Vicentina, tra Vicenza e Schio (VI), posto su uno sperone di roccia isolata dalla quale si gode un bel panorama sulla pianura vicentina. La tipologia di corso richiede una presenza continuativa, anche per i residenti in zona.

2015, Novembre 7,8: seminario sulle Virtù cardinali e teologali condotto da Nicoletta Simeone
Aiutandoci con le raffigurazioni dei Vizi e le Virtù di Giotto nella cappella degli Scrovegni a Padova e cercando di comprendere gli archetipi con cui le Virtù sono state rappresentate da diversi artisti nei secoli, andiamo alla scoperta di come le Virtù Cardinali rappresentano la strada indicataci per sviluppare in pieno la nostra umanità, e di come le Virtù Teologali tracciano il sentiero che ci permette di essere in colloquio con Dio. 

2015, Ottobre 18: seminario "il nostro albero genealogico" condotto da Laura Benetello
Rappresentare, cioè mettere in scena la storia della propria famiglia è di grande aiuto per risolvere i conflitti interiori e vivere appieno il proprio destino: uno strumento di consapevolezza. E' necessario accettare la realtà per ciò che è, senza rammarico, senza desiderare che sia diversa. In questo modo anche gli avvenimenti più terribili si trasformano in pace e forza. Tutto ciò che rifiutiamo si impossessa di noi. Tutto ciò che rispettiamo e integriamo, ci lascia liberi." - Bert Hellinger


2015, Ottobre, 2-4: pellegrinaggio Foreste Casentinesi. Piccolo pellegrinaggio a piedi di 3 giorni. Una esperienza intensa che ci porterà non solo a visitare luoghi molto interessanti dal punto di vista artistico e spirituale ma ci permetterà di vivere appieno l’esperienza del pellegrino che non solo “visita” ma “abita” i luoghi e in questo suo “abitare” trova sempre più spazio dentro di sé. Camminare fuori per camminare dentro e conoscere sempre di più le strade che ci portano verso noi stessi. …. Questo è il nostro scopo. 
Il luogo in cui si svolge il pellegrinaggio è il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, in provincia di Arezzo ed il percorso attraversa quelle che ad oggi sono le foreste più antiche dell'Appennino, definite "foreste sacre". 

In allegato il riassunto tecnico del percorso effettuato nelle foreste sacre e l’immagine in 3D della camminata.









2015, Settebre, 6: pellegrinaggio monte Summano
In questo nuovo “inizio” proponiamo un ampliamento della nostra “camminata meditativa”, che si svolge sempre il terzo lunedì del mese, attraverso due esperienze di “pellegrinaggio” che, come abbiamo già detto in occasione di altre gite, sono la possibilità di visitare luoghi nuovi, onorandone la storia, con un occhio che si volta anche dentro noi stessi, della serie “camminiamo fuori per camminare dentro”.

La prima esperienza che proponiamo è un percorso a piedi verso la miracolosa Madonna del Monte Summano, conosciuta meta di pellegrinaggio fin dai tempi più antichi in quanto la cima del monte era sede di un antico tempio dedicato a Demetra e Proserpina. Sarà domenica 6 settembre e per chi lo desidera dopo il percorso a piedi sarà possibile partecipare alla messa al Santuario sulla cima del monte, alle 11.30


2015, Settembre, 6-8: laboratorio propedeutico di Canto condotto dal Maestro Livio Picotti, direttore del coro Cantus Anthimi dell'Abbazia di Sant'Antimo a Castelnuovo dell'Abate (SI).  L'esperienza di questo coro intende "Andare in profondità, scavare sempre di più in noi stessi, fare che il suono coinvolga la propria vita. Fare del canto una via all'interiorità per ricercare l'autenticità, la libertà, il dono fonte di luce e gioia. Vogliamo fare della musica un espressione autentica di tutto l’uomo. Con Cantus Anthimi, sogniamo di trasmettere al mondo un messaggio di speranza. Cerchiamo di vivere la parola profetica e provocatoria di Dostoevskij: «la bellezza salverà il mondo»! Per cantare «il Verbo fatto carne» non intendiamo basarsi sulle nostre uniche forze, sulle nostre capacità vocali, ma ci affidiamo alla guida del Verbo che è bellezza".

Il laboratorio proposto rappresenta un momento di ricerca vocale, sensoriale e spirituale in cui entrare a contatto con la propria interiorità e sperimentare un modo nuovo di esprimere se stessi. Il canto non viene quindi inteso come performance, ma come strumento di connessione e comunione con sé, gli altri e Dio. Durante il laboratorio ognuno potrà avvicinarsi, anche attraverso l’auto-ascolto alla ri-conquista del proprio suono, caratteristica e fondamento della propria identità vocale.Il lavoro è aperto a tutti, anche alle persone che si definiscono non predisposte al canto, perché tale percorso si propone anche come superamento dai propri condizionamenti e scoperta della bellezza della propria voce, strumento di introspezione e esplorazione di sé.


2015, Luglio, 17-19: Laboratorio Teatrale: Il grido dell’anima: grida, sussurri e lamenti della nostra anima. 
Laboratorio teatrale residenziale a cura di Stefano Capovilla: il teatro è un modo per ascoltare se stessi mettendosi in gioco; è una bella possibilità di lavorare su di noi divertendoci, per ascoltare e capire la nostra voce interiore, per conoscere ed amare le nostre intime emozioni.

2015, Luglio, 3-5: Abbiamo il compito di rendere feconda la nostra vita
E' un seminario a cura di Nicoletta Simeone attraverso la mente, il cuore e il corpo per ascoltare la voce della nostra vita nella sua ricerca di senso, accompagnati dalle figure di Sara e Abramo nel loro percorso dalla sterilità alla fecondità. 

2015, Maggio, 2-3: Lettere dell’alfabeto ebraico
E' un seminario a cura di Nicoletta Simeone sugli archetipi legati alle lettere dell’alfabeto ebraico, le storie dell’Antico Testamento relative e il loro utilizzo nelle opere d’Arte.   


2015, 15 Febbraio: percorsi fuori e dentro di noi: ABBAZIA DI POMPOSA E DUOMO DI FERRARA

2014, 03-04-05 Gennaio:  percorsi fuori e dentro di noi: DUOMO DI ORVIETO-CHIESA DI S. CRISTINA A BOLSENA-NARNI SOTTERRANEA-TODI.

2014, 7-8 Dicembre: percorsi fuori e dentro di noi: I SACRI MONTI DI VARALLO – IL SANTUARIO DELLA MADONNA NERA DI OROPA

2013, 01-02 Novembre:  percorsi fuori e dentro di noi : LE TERRE DI MATILDE DI CANOSSA

2013, dal 24 al 30 Luglio: percorsi fuori e dentro di noi:  FRANCIA. TAIZE’- MONASTERO DI CLUNY - CHARTRES – MONT ST. MICHEL – LE PUY EN VELAY

2013, 04-05 Maggio: percorsi fuori e dentro di noi:  FIRENZE – MONTE SENARIO

2013, 10 Marzo:  percorsi fuori e dentro di noi: BERGAMO: LE TARSIE DI LORENZO LOTTO

2013, 17 Febbraio: percorsi fuori e dentro di noi: PADOVA: Cappella degli Scrovegni

2012, dal 25 al 29 Luglio: percorsi fuori e dentro di noi : FRANCIA: MONASTERO DI LE TORONET – ST. MARIE LE MER – CARCASSONNE - MONTSEGUR – RENNES LE CHATEAU – SAINTE BAUME

2012, 02-03 Giugno: percorsi fuori e dentro di noi: LUCCA

2012, 20 Maggio: percorsi fuori e dentro di noi : PIACENZA

2012, 25 Marzo: percorsi fuori e dentro di noi:  MANTOVA

2012, 6-7-8 Gennaio: percorsi fuori e dentro di noi: ASSISI

2011, 13 Novembre: percorsi fuori e dentro di noi: PARMA

2011, 30-31 Ottobre: percorsi fuori e dentro di noi: SIENA SAN GALGANO

2011, 5-9 Settembre: percorsi fuori e dentro di noi: MEDJUGORIE MOSTAR

2011, 28 Agosto: percorsi fuori e dentro di noi: VENEZIA LAGUNA

2011, 15 Maggio: percorsi fuori e dentro di noi: RAVENNA

2011, 2-5 Giugno: percorsi fuori e dentro di noi: ABRUZZO

2011, 6-7 Marzo: percorsi fuori e dentro di noi: SACRA S.MICHELE-NOVALESA

2011, 2-3 Gennaio: percorsi fuori e dentro di noi: RECANATI-LORETO-OSIMO